21km - la distanza

sabato 13 aprile 2019 - ore 9:30 PM

Ora in strada

Di sabato mattina, poiché domenica pioverà, sul Miglio Ambrosiano e non solo.
Esco verso le 9, da subito gagliardo. Al lambro incontro il Pepìn e rallento per scambiare due parole al suo passo. Indeciso se girare sulle stradette del Parco o proseguire scelgo la seconda, il noto ma al contempo ignoto che mi obbligherà a non potermi fermare. Milano 2, Olgetta e Segrate, scalette della torre per superare la Cassanese e via verso il Lago. Nessuna idea della media tenuta ma i minuti passano. Il rientro è faticoso e scuri pensieri di pista oraria minacciano la mente. Tengo duro e aumento anche un po' l'andare. All'imbocco di Via Campiglio scocca l'ora e mi fermo: son circa 13700.
Corricchio fino all'imbocco della via di casa e sono decisamente cotto.

Etichette:

giovedì 11 aprile 2019 - ore 10:10 PM

Volontà

Intesa come quantità ma non solo. Prima la campestre da 2500, chiusa dopo 100m e portata a termine con giudizio e attenzione a non cadere sul fango in 9.36 (3.50/km di media), sotto leggera pioggia e con soli 6 partenti. Poi, dopo pochissimi minuti, mi unico ad Ale che accompagna Antonella per ripetute lunghe. Inizio con soli 400 dei loro 3000, poi però il 2000 in 7.55 e due 1000 a 3.55 e 3.53, recupero sempre stringato di 60". Reggo bensissimo tanto che tiro io i due 1000 finali, molto in controllo.

Etichette: , , ,

sabato 6 aprile 2019 - ore 7:00 PM

Oltre 12km

La bellezza o forse a stranezza di un sabato dedicare a correre 20 volte esatte la Murella.
Non troppo forte, non troppo piano. In giro sulla pista veramente pochi.
Un po' di mal di gambe nel dopo corsa, sempre per queste pause non desiderate.

Etichette: ,

domenica 31 marzo 2019 - ore 11:20 PM

Miglio di Piero

Reduce. Reduce da un venerdì di Gran Ciclismo urbano e non, per andare al lavoro e poi a Monza dal dentista e poi a casa che son le 8. Mangiare un piatto caldo e risalire in sella per il Direttorio di Società. Infìne a letto ma il mattino dopo accompagnatore dei Giochi Interscolastici del Nenne, primo staffettista sui 50 proprio niente male.
Un piatto di pennoni al pomodoro e via per la mia gara, sulla pista di Pioltello, 3 anni dopo l'ultima volta ma sono almeno il doppio dall'ultima con qualche velleità.
Inizio sfiancato, dal raffreddore e dal caldo che non scalda le gambe molli. Ma c'è pubblico competente e soprattutto esigente, oltre che sinceramente d'aiuto. Provo due tragici allunghi ma la testa comincia a entrare in circolo.
Così parto per come vada, insieme a un ferrarese vero con cui faccio due parole sulla squadra, stupito lui di trovarsi un milanese di parte.
Non prendo la testa, ci va D'Agostino con dietro Merisio e non ho voglia di fare la buttata. Me ne sto tranquillo a metà gruppo cercando il passo che posso. Però qualcuno lo riassorbo e arrivo al 1000 ancora in bolla, dove sento qualcosa più di 3.30. Scatta che mancano solo 600, che altre volte sarebbero stati tanto da fare ma stavolta sono leggero e provo a spingerli. Alla campanella sono l'ultimo del quartetto che in fila segue a distanza i primi 4. Oso e sorpasso tutti, spallino incluso. Rilancio e che vengano a prendermi. Non ci riescono. Il 600 finale è sui 2.02, gambe stanche ma non ancora in acido, grazie anche al pubblico amico che non smette di sostenere.
Non ho nemmeno l'orologio; Ale dice 5.35 e sarà così: 5.35.85; 5° della batteria e 5° su 9 di categoria, a 10" dal podio.
Il tempo che speravo di valere ma in giornata più brillante; fatto così mette di buon umore e predispone al pre-aperitivo serale delle 18, con Negroni, al Tabacchi Sociale.

Etichette: ,

giovedì 28 marzo 2019 - ore 11:27 PM

Il 3000 contornato

Ecco il 3000 in 11.20, ordinato e disciplinato.
Parziali da 3.43, 3.49, 3.47
Poi corricchio una decina di minuti e infine
3x2000 con Akko e Olga sua amica, 8.30, 8.23, 8.02, recupero 3' corricchiando.
Finalmente un po' di chilometri senza aver voglia di smettere.
Quasi pronto per il Miglio, nonostante roba densa nel naso e nella gola.

Etichette: , , ,

lunedì 25 marzo 2019 - ore 10:59 PM

Chi se lo ricorda

Circa 45' a zonzo per il Giuriati, se non ricordo male (cit.)

Etichette:

martedì 19 marzo 2019 - ore 11:36 PM

5000 scomposto

Nel poco tempo del martedì Io e Ale Akko ci facciamo un 5000 in 20.17 costruito sull'800 recupero 400, con 200 finale da me suggerito per fare cifra tonda.
Vengono proprio bene, tutti in 3.00 tranne uno in 3.02; recupero sveltini, intorno all'1.55, con 200 finale sui 39.

Etichette: , ,

martedì 12 marzo 2019 - ore 11:44 PM

L'allenamento degli altri

Otto minuti lento lento con la sacca sulle spalle da casa e già Mauro mi chiama da bordo pista per unirmi al loro 3x(1500+1000+500). Mentre sto per decidermi saltello in zona cordolo e metto il piede nella buca tra prato e metallo, figlia della pessima manutenzione di un campo in cui ormai, per entrare, devi chiedere permesso come oggi al capannello di Adidas Runners che stazionano lì con i loro istruttori.
Parto lo stesso, perché la fitta sul dorso del piede si attenua subito. Parto però un po' in ritardo e con giudizio. recupero i Pasquali solo verso la fine e segno 5.50.
In sostanza non resisto molto, anche perché sul 1000 e sul 500 finisco davanti a tutti.
1500 5.50, recupero di soli 70" per agganciarmi a Mauro
1000 3.40, recupero 90"
500 1.45, recupero 90"
1500 5.45, recupero 90" ma sono alla frutta
Il 1000 non è pensabile, corro i primi 200 in 47 e mi riaggancio per tirare gli ultimi 200, forti.
Dopo i soliti 90" mi prendo lonore di tirare il 500 e di chiuderlo brillante in 1.39.
Il piede sembra aver sopportato: doccia ghiaccio e torta di pere per la colazione di domani.

Etichette: ,

domenica 10 marzo 2019 - ore 11:06 PM

La Mandria

Non è la prima volta agli Italiani di cross, ma questa volta sono gli Assoluti, cui certo non partecipare, se non in gara master di contorno della vigilia, comunque valida come Campionato.
E' una staffetta 4x2000 (un giro del percorso degli Assoluti), che riusciamo a tenere su M50 grazie alla presenza del veloce 65enne Cialfi.
Clima superbo, Parco immenso e a sensazione superiore al Parco di Monza per contesto agricolo reale (ahahah) e per avere le montagne attaccate, la vera beltà della vecchia capitale del reame.
Il percorso è molto mosso, con due discese al guado di un rivolo secco e relative salite e tanti falsopiani. La medaglia è abbastanza lontana, in teoria, ma il nostro capitano è un sognatore, capace anche di trascinare.
Prendo il testimone (un semplice tocco) come secondo frazionista, in una giornata di buon umore ma pesanti sensazioni alle gambe. Tant'è che parto forte ma dopo 500m son già in affanno. Metto fuori comunque una certa testa e volontà, riuscendo nel secondo km forse a scaricare la tensione fisica e riprendere un po' di spinta, nonostante i polmoni stiano già gridando. Ultimo 500 abbastanza eroico, cambio a 7.32, circa quello che mi ero immaginato di poter fare. Prendo respiri immensi cercando aria per un paio di minuti vuoti.
Finiamo al 10° posto di categoria su 16, in 30.48. Ale corre il primo km alla garibaldina ma poi deve rallentare. Io sono forse quello che distribuisce meglio, ma in generale nessuno dei 4 piazza la prova da raccontare ai nipotini. Primi 3 posti oggettivamente lontani, oltre 2' e mezzo, ma sotto i 30 forse avremmo potuto arrivarci, a prendere una 8a posizione...

Etichette:

giovedì 7 marzo 2019 - ore 11:32 PM

Prima (de) gli Italiani

Venti minuti di corsetta con Emilio, defaticante da un allenamento vero, non come me. Poi giro un po' sulla Murella del Rizzo per 6 volte, uscendone prima di arrivare ai 10 che mi sono prefissato, così per darmi un obiettivo. Ne esco per non provare troppo piedi e caviglie, che sabato potrebbero servirmi. Così chiudo quel che c'è da chiudere spostandomi sulla pista ormai quasi vuota e per gli ultimi 3km. Passo sveltino ma impegno troppo per quanto sto andando ma almeno metto via un po' di chilometri. 5.41, 5.33, 5.37 la Murella 4.20, 4.16, 4.07 il 3000 in pista. Ecco, si diceva di sabato. Se vengono tutti.

Etichette: