21km - la distanza

mercoledì 6 novembre 2013 - ore 12:27 AM

La solitudine del cross

E' una pacchia fare il maratoneta, fuori nel mondo per conto tuo senza un'anima che ti faccia saltare la mosca al naso o che ti dica cosa devi fare o che c'è un negozio da svaligiare in fondo alla prossima strada. A volte penso che non sono mai stato tanto libero come durante quel paio d'ore in cui trotterello su per il sentiero fuori dai cancelli e svolto davanti la quercia panciuta e nuda in fondo al viottolo. Tutto è morto, però va bene così, perché è morto prima di essere vivo, non morto dopo esser stato vivo. Ecco come la vedo io. Badate, spesso in principio mi sembra di essere gelato come un baccalà.

Gran traduzione, non c'è che dire, ma spiacente dover segnalare che di cross si tratta, gara di 8km con il suo bel giro di lancio e The Loneliness of the Long-Distance Runner ancora una volta viene malinteso, la Maratona viene spropositata e buttata lì.

Il percorso di otto chilometri era segnato da schizzi di calce che luccicavano sui pilastri delle cancellate e sui tronchi e sulle pietre e sulle barriere per il bestiame.

Il giro di oggi è figlio della chiusura dell'Arena ove campeggia una specie di scivolo di legno di cui non voglio sapere oltre. Tocca quindi star fuori e, per via di un dolorino al PDC, nonché per via dell'approssimarsi delle campestri, inauguro questa serie continua di curve e cambi di direzione, strappetti e fondo scivoloso, 550m corsi tra 2.20 e 2.15 al giro, una sporca dozzina di volte.

E io correvo, uscivo dal bosco, superando il battistrada senza sapere che stavo per farlo. Pif-paf, pif-paf, clip-clop, clip-clop, cric-crac, cric-crac, di nuovo attraverso un vasto campo, correndo ritmicamente e senza sforzo alla mia maniera da levriero, sapendo che avevo vinto la gara anche se era ben lontana dall'essere finita.


http://www.gmap-pedometer.com/?r=6131626

Etichette: , , ,

4 Avete commentato:

Blogger LO ZIO ha scritto...

E' da un po' che c'ho sul gozzo sta cosa della traduzione in "solitudine del maratoneta".

Cosa curiosa: anche se non è colpa sua ed è una mia fantasia, nella mia testa non riesco a fare a meno di dar la colpa a Linus anceh di questo.....sta diventando ormai il mio Capro Espiatorio.....

...son deformato.....

1:33 PM  
Anonymous Anonimo ha scritto...

... state diventando pericolosi voi due :-)
vedete un solo nemico, ovunque,
e pensare che quell'uomo ha la nostra stessa passione, seppur vissuta a suo modo, e nel suo mondo

p.s. ho iniziato a correre a 11 se non ricordo male a Foggia, un 31 di dicembre, con mio padre che mi seguiva in macchina per darmi del cioccolato, se ne avessi avuto bisogno. quella gara, si chiamava "maratona di san silvestro", era lunga 11,3 km, e Linus ancora non aveva scoperto la bellezza della corsa

panda

10:15 AM  
Blogger LO ZIO ha scritto...

Non te la prendere Panda....lo sai che ti stuzzichiamo apposta.

Resta comunque veroc che... è meglio un DJ Panda oggi che un Linus domani....

10:54 AM  
Anonymous Anonimo ha scritto...

You're incredibbbbbile

:-)))

Panda

2:12 PM  

Posta un commento

Crea un link

<< Homepage