21km - la distanza

sabato 6 ottobre 2012 - ore 6:16 PM

Portoghesi

La notizia è che i gradoni sono accessibili e che riesco a tirarmi dietro pure Domenico, dopo qualche giro di pista; un circuito fatto di riscaldamento a scalini, poi 6 giri di corsa sui gradoni, 5 giri di scalini e altri 6 giri di gradoni a piedi pari. Il tempo di riscendere in pista e passa Enrico, per uno dei suoi 4x3000. Mi dice che gli mancano 4 giri e mi attacco, credo sull'1.24 a giro; ne faccio 2 poi mi fermo e riprendo per l'ultimo, allungando e prendendo la testa sulla curva finale. Dopo un minutino chiudo con un altro 400 in compagnia di Domenico, in 1.13.
Questo accadeva Giovedì, ma stamattina torno in pista, al Giuriati, su richiesta del Nenne. Entriamo senza pagare dopo aver lasciato il triciclo all'ingresso; come riscaldamento abbiamo in corpo la pedalata e qualche corsetta con altri bambini ai giochi. Voglio fare il Giro. Non se ne parla; gli propongo i 100m e sceglie la corsia 6. Incedere gioioso, braccia che spingono, piccolo calo finale per innocente indifferenza alla linea da superare (subito rimbrottato da un pensionato a torso nudo), tempo finale di 41.92. Siamo in scia di Asafa.
A casa righello e via a disegnare corsie.
Tra pochi minuti se tutto va bene l'Orologiaio Matto mi restituisce il crono con il cinturino nuovo.
Se è Nike è integrato, non si può cambiare. No, non è Nike.

Etichette: , , ,

1 Avete commentato:

Blogger Daniele ha scritto...

bravo Nenne

7:55 AM  

Posta un commento

Crea un link

<< Homepage