21km - la distanza

sabato 4 ottobre 2014 - ore 11:25 PM

Giro senza paura

Riscaldamento di una mezz'oretta sui fantasmagorici giochi dell'Idroscalo. Poi si parte, la squadra è confermata. Finezza di mosse nel darsi il cambio, tra uomo e bicicletta (di piccolo di uomo).
Si sarà capito che intendiamo mangiarci il Giro (e magari sotto i 30' - ma questo non glielo dico). I primi passaggi galvanici di 200 in 200 mostrano tempi che il mio fiato conferma: 56" a botta (aiuto).
Poi però il ragazzo entra in fase contemplativa, in zona portuale; e meno male, da tanti punti di vista.
Lo sterrato del rettilineo opposto alle tribune ci rallenta, per il vezzo di stare sul tracciolino nel prato, ma fermarsi mai. Discesa a tutta e dopo poco lo strappo in salita del km5, con un paio di spinte sul culo che non ricordavo dai tempi di Moser. Senza aver mai messo i piedi a terra, ci lanciamo per la planata verso le tribune, chiudendo allegri per stare sotto ai 31, di 5 secondi.
Un'altra decina di minuti a zonzo e anche oggi è andata.
A sera passo il concetto dell'obiettivo -1; siamo già proiettati sul 29.59.

Etichette: ,

2 Avete commentato:

Blogger Il Panda ha scritto...

il nenne secondo me di tutta questa storia è affascinato dal sistema esadecimale nel concetto del tempo

10:06 PM  
Blogger nicolap ha scritto...

no gli interessano più i km macinati del tempo, quella è una mia perversione (per il mio più che per il suo passo) che però controllo abbastanza bene...

11:03 PM  

Posta un commento

Crea un link

<< Homepage