21km - la distanza

lunedì 7 febbraio 2011 - ore 5:37 PM

Peccato

Mentre la famiglia si siede per il Pranzo della Domenica con il pollo e le patate io esco, che è l'unico momento buono. Vado per correre un'oretta a ritmo tranquillo, verso il Lambro, che è quasi Primavera.
Arrivando da Via Carnia mi si para davanti una collina del parco a cui non avevo mai fatto caso, alta com è. C'è una scalinata che sale, gradoni bassi e radi, da correre tranquillamente. In cima, circa 9-10m più in alto, uno spiazzo pavimentato e poi una ripida scaletta in pietra che scende; con un raccordo in falsopiano in salita di un centinaio di metri si completa il circuito, che impiego circa 2.35-38 a percorrere. Dopo i primi 2 giri di prova proseguo per farne 10, che mi porteranno a circa 50' totali di corsi; il tempo di tornare a casa e l'oretta sarà fatta. Salgo che è una bellezza, fino alla cime dove giro dopo giro il traffico umano aumenta, rigorosamente maschile. So bene che quella zona di parco è luogo di incontro, più o meno gratuito, ma cerco di farmi i fatti miei senza guardare in faccia nessuno. Al giro 7 però si sentono ansimi. Al giro 8 mentre salgo un omino scende, l'altro lo trovo in cima mezzo nudo, lì in vista, che si sistema le sue cose. Pochi metri sotto alla collina tranquille famiglie in bicicletta per la passeggiata del dopo pranzo. Abbandonato il territorio privato me ne vado verso l'otto, tanto per fare il giro da km e vedere a quanto sto girando (4.28) e poi rientro a casa sempre con lo stesso passo, al minuto 63, con 130 di pulsazioni e un po' di malumore per aver scoperto un bel percorso che credevo fosse accessibile a tutti, no dico sempre, ma almeno in un primo pomeriggio di sole domenicale.
Sarà sole fino a Sabato, poi Domenica finalmente una spruzzata per ammorbidirci il prato della Vernavola di Pavia, perché cross vero sia.

Etichette: ,

4 Avete commentato:

Anonymous Anonimo ha scritto...

insomma... tra arcore e parco, lì in longobardia siete na manica de erotomani!
luciano er califfo.

6:33 PM  
Blogger Daniele ha scritto...

perdincibacco, il boccaccio dei podisti!
PS: per favore non riprovarci in estare, mezzo biotto.

8:36 PM  
Blogger GIAN CARLO ha scritto...

Qui a Roma al confronto siamo "educande" ...se non fosse per il clima(pure oggi qui 20 gradi) ...emigrerei.

9:38 PM  
Blogger nicolap ha scritto...

beh ma si sa che i laboriosi cùmenda hanno i loro vizietti...
comunque devo aggiornare il tag in lungo sveltina ;-)

9:48 AM  

Posta un commento

Crea un link

<< Homepage