21km - la distanza

giovedì 12 agosto 2010 - ore 10:26 AM

Lost in Brianza

Sbaglio strada e prendo la strada per i campi o meglio quella che ricordavo fosse la strada per i campi che taglia un pezzo di provinciale ma lo faccio troppo oltre. Finisco nella Valle dietro Montevecchia e mi tocca circumnavigare tutto il Parco fino a Sirtori e poi Missaglia. Arrivo che i 2 se la stan contando su e non hanno anticipato il riscaldamento, così lo si fa insieme, breve, con andature sullo scivolo del parco comunale. Dopo 8' eccoci al via, alle Quattro Strade, luogo che mi ha sempre evocato il West. Il riscaldamento sarebbe un'altra cosa, visto anche quello che ci aspetta: 600m di rettilineo al 10%, quindi un km a curve tra strappi e falsopiani, infine 100m di acciottolato al 15% e la scala finale fino al Santuario, totale 1822m, dislivello 174m.
Partiamo affiancati per i primi 3-400m, poi il panda un po' si stacca e lo zio passa avanti; gli sto dietro fino agli 800 poi calo il passo per non distruggermi e lo vedo sempre più piccolo. Prima dell'acciottolato devo camminare un paio di volte per qualche metro, con lo zio avanti una cinquantina di metri. Riesco almeno a correre tutte le scale, anche se una alla volta, chiudendo in 10.33, una trentina di secondi dietro. A 12.30 arriva il panda a passeggio, l'unico ad aver sbirciato il panorama. Sono stanchino ma non ho superato soglie pericolose, mentre lo zio, che non correva da un mese, è alquanto stravolto.
Dopo una decina di minuti ci prepariamo a nuove sfide: giro sul prato dietro al Santuario, salita sterrata a fianco della scalinata, scavalco di un muretto basso e infine passaggio sotto al sagrato per scendere a metà scalinata. La gincana che piace al panda. Vince lui lasciando me e lo zio a qualche secondo. Poi arriva una nutrita famiglia africana che parla solo americano e che incuriosiamo, tanto da convincere un dinoccolato quindicenne a provare anche lui il percorso. Arriva un paio di secondi avanti a noi, senza sbattersi troppo, così che ci riproviamo e riusciamo a stargli appena sotto (66 il panda e 68 noi 2). L'unico senza dolori sembro essere io, tanto che chiudo i giochetti con una salita secca della scalinata. Appena parto però lo zio mi viene dietro; saliamo bene 2 scalini alla volta con ritmo e all'ultima rampa lui allunga un po' e mi passa al penultimo saltino. Tempo 30 e qualcosa. Allora parte anche il possente panda che chiude a 28.
Ora si può scendere alle Quattro Strade a strimpellare e poi risalire in auto fino alla veranda mozzafiato, per un po' di cotechino salame e pancetta con polenta, bagnati di Nustranel rosso.

http://www.gmap-pedometer.com/?r=3954735

Isn't that the madman,
running through the fields?
Isn't that the madman?
Wonder how he feels...



Etichette: ,

4 Avete commentato:

Anonymous Anonimo ha scritto...

eh...la staffetta, manca la staffetta. e se avvisiamo gli amici del blog di lucky a settembre ci ritroviamo le mandrie di gimcanisti.
finchè non ci scomunica il parroco...

4:15 PM  
Blogger Lucky73 ha scritto...

Ma il Panda si è fermato a raccogliere le fragoline nel bosco??? :))))

ci vuole coraggio per sfidare lo ZIO nel suo Habitat naturale!

Io mi sto allenando per settembre con dei Fartlek per me faticosissimi !!!! ....

per la staffetta contate su di me! Porto 3 neri di quelli tosti ...eh eh

6:03 PM  
Blogger Furio ha scritto...

Lost in chronometer :-D

Perdonami l'ignoranza, ma chi sono a suonare?

8:05 AM  
Blogger nicolap ha scritto...

non è ignoranza
è roba sconosciuta, incappato per caso

http://hypem.com/track/1004021/Dantalian+s+Chariot+-+Madman+Running+Through+the+Fields

però il chitarrista è Andy Summers giovane

11:24 PM  

Posta un commento

Crea un link

<< Homepage