21km - la distanza

lunedì 23 marzo 2009 - ore 4:37 PM

Mi sento

Ieri c'era una gara a Castiglione Olona, per la Gamba d'Oro, che per desiderio d'evasione avevo avuto la tentazione di andare a provare. Ma l'angioletto del buon consiglio continuava a ripetere devi fare il lungo, il lento, quello, stare sulle gambe insomma, senza fermarti, senza strappare, senza volare... E alla fine l'ho ascoltato. Digiuno digiunetto mi son presentato al Parco Nord e l'ho percorso secondo umore, un po' di asfalto ma anche tanto prato e sterrato; credevo di girare sui 4.40 ma quando verso la fine ho preso un tratto segnato e l'ho percorso più volte ho visto che in realtà stavo sui 4.20. Al 53esimo minuto ho incrociato uno dei Pulgas, che mi ha raccontato un po' di disavventure. Altri 9' insieme e al 62' ho ripreso la via di casa. Sensazionale effetto di questa corsa, che nel mentre mi smaronava assai, ma che dopo mi ha lasciato gambe toniche e pronte a nuove sfide (Sfide, ecco, la bella trasmissione RAI che nella sigla era piena di atletica, che fa epopea, ma che poi i pezzi li destinava quasi tutti al calcio o ad altri sport, un po' come le pubblicità di auto che mettono gli animaletti). A casa ultimi km della Maratona di Roma in tv, a rimpiangere Bragagna, con questo telecronista accozzato e un team di espertoni che ci ha messo 20' a capire quanto dicevano le immagini, ovvero che Anna Incerti aveva mollato, e il mio nuovo idolo, il Ministro del Turismo del Kenya, che ha presentato sorridente l'iniziativa promozionale: un viaggio in Kenya per il primo atleta classificato non kenyano; che grande! Che finezza nel prendere per il culo, proprio ieri che i primi 10 erano loro.
Per la mamma, fratelli ragusani.


Etichette: , ,

2 Avete commentato:

Blogger GIAN CARLO ha scritto...

Vabbè, non sarai deluso del fatto che vincono i Keniani ?

6:39 PM  
Blogger nicolap ha scritto...

No vince chi deve vincere; mi spiace che siano delle specie di macchinine radiocomandate da Rosa, che ieri ha tranquillizzato dicendo che ha sì vinto una lepre, ma una lepre che aveva il permesso di vincere fosse stato bene. Anche sto benedetto telecronista a un certo punto ha detto la sua facendo più o meno capire che per lui quei 10 davanti erano un po' un'unica cosa, e poco interessante.

8:22 PM  

Posta un commento

Crea un link

<< Homepage