21km - la distanza

lunedì 17 giugno 2013 - ore 3:18 PM

Alla prossima

Domenica mattina mentre facevo un lento con il passeggino nelle prime ore del giorno al Trotter ho incrociato un vecchio compagno di volate dell'Athletic Team, uno che vinceva sempre lui, un finale bruciante come pochi, comunque under ten nei 3000. Correva affiancato dal figlio regazzino, chiacchierando. Non ci conosciamo in realtà, non ci siamo salutati. Chi ha salutato sono stato io, Sabato pomeriggio.
Notte dura, mattinata pure, indeciso fino all'ultimo per una febbrazza infantile. Quando scopro che per le 18 potrei essermi tolto il dente, quando definiscono le serie e sono dentro la prima di quelli forti - grazie allo spasmo dello scorso anno - decido che partire sulla stessa linea con loro è dovuto, magari poi le gambe si sciolgono. L'umidità è atroce, le gambe al limite della trombosi.
Come cazzo fai a correre i 1500 senza chiodi dice Avigo senior al suo amico, mentre aspettiamo la rivoltella.
Tiro appena dietro ai primi per 30m, poi arrivano i sorpassi e ai 150 son già ultimo. Mi aggancio a fatica per rifiatare nel rettilineo controvento. Ai 400 le gambe non rispondono già più, guardo il crono e segna 1.15, una follia, 5" meno di quanto avrei potuto permettermi. Ai 500, appena inizia la curva, a 1.35 esco di pista, prendo la borsa, saluto e torno a casa.
Nessun rimpianto, Domenica facevano male le gambe come dopo corsa vera.
Ci si rivede a Cernusco a metà luglio.

Etichette: ,

2 Avete commentato:

Anonymous Anonimo ha scritto...

Nicola io pensavo di andare a Rovellasca il 4 Luglio appena torno dalla Sicilia; verrà anche LucKy (per il 400 credo).
vieni con noi, io se non peggioro punto a 4,59.

Lorenzo

11:31 PM  
Blogger nicolap ha scritto...

fuori città sono

11:55 PM  

Posta un commento

Crea un link

<< Homepage