21km - la distanza

lunedì 17 ottobre 2011 - ore 4:42 PM

Like a Tiger Jack

Mentre facevo stretching in mocassini all'ora di pranzo (le bistrattate calzature di Tiger Jack, con suola morbida, in realtà le A1 dell'impiegato), ripensavo ai dolorini che lasciano 16k di lungo affrontati pur sempre in canottiera lungo la gloriosa Corelli, quelle delle cavalcate in bc da regazzino, quasi unica strada di un tempo qua era tutta campagna a infilarsi dentro Milano, fino alla Chiesa di Viale Argonne, quella bruttina ma che mio padre racconta esser stata ispirata dalla città ideale. Includono un giro da paura dell'Idroscalo, quello da 6k segnato ogni 200m, in una giornata fredda ma assolata, un po' ventosa da quelle parti; includono anche un passaggio al Forlanini per il laghetto con i salici piangenti che piacevano ala mia mama, a fianco della pista a 6 corsie di cui tutti parlano male ma che a me è sempre piaciuta molto, per via del pratone che corre a fianco di una delle curve; includono infine un passaggino al Bosco dei Faggi e il rientro all'auto dopo 1.16.20.
Ore 16, a digiuno dalla colazione. E' per quello.

Etichette:

3 Avete commentato:

Blogger Daniele ha scritto...

16 ... e che cosa stará mai preparando questo demonio stavolta??

8:09 AM  
Blogger nicolap ha scritto...

Solo un lunghetto che dicono faccia bene. Poi considerato il mal di gambe che ne è conseguito direi che mi ha solo confermato quanto già sapevo.

9:58 AM  
Blogger federico vecchiarelli ha scritto...

anch'io 16 kilometrini domenica scorsa... i dolori si sprecano ma chi-ci-capisce dice che sono i tessuti in ricostruzione. maledetti cantieri

10:09 AM  

Posta un commento

Crea un link

<< Homepage