21km - la distanza

lunedì 31 gennaio 2011 - ore 5:42 PM

Le capre del Vallone

Il fatto che oggi in pausa sia andato a correre all'Arena, mezz'oretta tranquilla su prato inframezzata da un po' di stretching è legato al fatto che:
- ieri ho corso bene, mi sentivo bene, ma comunque 50° è una posizione di merda;
- non sono a pezzi e quindi posso permettermelo;
- la pausa pranzo è un concetto da demolire;
- starsene 40' sul pratino in mezzo alla città fa bene allo spirito, fosse anche solo a guardare gli altri correre.

Ritornando alla gara, il Cross del Vallone, mi son presentato bel carico, finalmente con gambe forti, poi il percorso ha dato il suo verdetto: per imporsi su tutte quelle variazioni continue di ritmo e pendenza serve una forma che io ora non ho, anche se comincio ad avere un po' di unghiette per difendermi. In pratica mi è spiaciuto non avere un po' più di gambe per andare a prendere quelli davanti, perché di testa ci stavo. Prima delle partenze ho anche finalmente incontrato il pettorale numero uno Playbeppe; gran gara la sua. Poi è successa una cosa buffa: dopo la partenza brillante ho subito un po' di sorpassi come previsto, poi è stato un continuo elastico con alcuni del Casorate e altri; qualche sorpasso fatto e qualcuno subito, ma con l'appunto strano fenomeno del guadagno in salita e perdita in discesa, io che mi picco di esser gran discesista e pessimo scalatore. All'ultimo dei 3 giri stringo i denti e decido di partire per l'ultimo assalto allo strappo secco che precede gli ultimi 2 rettilinei in salita. Poco prima Laura mi grida non è verooo che non ti alleeeniiii. Sguardo a terra da toro e giù la testa, mi sposto sulla destra del largo campo gara e aumento la frequenza in progressione; qualcuno credo di guadagnarlo, anche se son dall'altro lato un po' fuori campo visivo. Sento credo Renato gridarmi alza gli occhi, usa quelle braccia. In realtà quasi tutti hanno buone energie per il finale, per cui tanti li avvicino e anche l'ultimo che dopo la curva dell'albero a destra mi appare davanti ha ancora una decina di metri di vantaggio e reagisce, per cui gli finisco attaccato ma senza poterlo passare.
La posizione, anche per la presenza locale degli infoiatissimi casoratesi e di altri atleti locali, è un misero 50° posto in 22.51, il primo senza premio di maggioranza per la classifica individuale, visto che dal 50° in giù fa un solo punticino per tutti. Marco, che si è fermato dopo 200m dal via per un dolore muscolare, dice di avermi visto finire bene, a differenza di Cristiano, che però dalla sua ha di essere arrivato 2' abbondanti davanti a me... Sì, sono arrivato troppo fresco, ma in verità temevo di saltare, a partire prima, su quel percorso che non perdona; così almeno ho portato i miei 91 punticini alla Società e ho pur sempre fatto tra loro il 2° miglior tempo.
La gran notizia è che mi è rimasta attaccata proprio tanta voglia. Per cui oggi Arena e poi un bel panino con il salame delle capre che pascolano nel Vallone. Gloria a loro.

Etichette:

5 Avete commentato:

Blogger Furio ha scritto...

Nicola ottime le motivazioni per la mezzora corricchiata.. e riguardo al cross, è il solito discorso; una cosa quando l'abbiamo davanti, può essere guardata da tanti e diversi punti di vista, sta a noi trovare quelli forti e sfruttarli a dovere e quelli deboli per per migliorarci; si chiama atteggiamento positivo, e in te traspare in ogni riga di quello che hai scritto.
Non sei scoppiato valendo il 50° posto, ora sai che puoi dare decisamente più, i segnali che hai percepito dal tuo corpo ti dicono che ti manca ancora qualcosa; arriverà la forma, conserva la testa, sei forte, bravo! ;-)

6:11 PM  
Anonymous Lucky ha scritto...

comincio a pensare che ti alleni e che abbia ragione Laura :-) ...e visto il tuo articolo vorrei esortarti a leggere quanto scritto all'entrata del Giuriati :-) ...

Mamma quanto vi ho invidiato ...ho dormito fino alle 12.30 ...

6:31 PM  
Blogger Playbeppe ha scritto...

Ciao Nicola, è stato un piacere anche per me poter finalmente scambiare 4 parole di persona con te!
Dopo la mia gara, mi son cambiato e mi son messo proprio su uno degli strappetti della parte finale del percorso: ad ogni passaggio ti ho incitato a gran voce!!! Spero che tu mi abbia sentito, perchè mi son sgolato!!! :-))
Ciao, alla prossima!

6:40 PM  
Blogger kaiale ha scritto...

da ogni gara si può trarre qualcosa di buono, o comunque una carica per migliorarsi sempre e motivarsi nell'allenamento

Alessio

8:15 PM  
Blogger nicolap ha scritto...

Beppe quando corro sento le voci ma non so se quelle vere o di altra provenienza, poi mescolo tutto. In più che di questi tempi sto molto attento a dove metto i piedi.

10:18 PM  

Posta un commento

Crea un link

<< Homepage