21km - la distanza

lunedì 11 ottobre 2010 - ore 3:42 PM

127

Dunque la notte prima della gara sogno i mostri peggiori, come l'acquisto della seconda macchina, un cassone lunghissimo che piace a tutti tranne che a me e che mio padre, spatentato da 8 anni, vorrebbe mettersi a guidare, mentre io non riesco a fare manovra per uscire da un'angusta officina.
Meno male che un po' alla volta mi riprendo, appuro al risveglio con gioia di possedere una sola automobile e alle 2 sono lì a fare la borsa, dopo tanti mesi di assenza dallo sparo. Mi porto dietro anche l'Olio all'Arnica e dedico qualche minuto negli spogliatoi dell'Arena a riscaldare un po' le gambe. Pettorale 127, come la mia prima macchina. Nel frattempo Valter si prende un bell'argento sui 400. Ogni tanto corricchio il giro esterno dell'Arena per tenere viva la circolazione, visto che è la prima giornata freddina dell'autunno, con la mia serie che sarà la 2a di 3, verso le 6 di sera.
A vedere gare (soprattutto le collezione di ruspanti pesisti sessantenni) e a far 2 chiacchiere con over 50 che rimpiangono i bei tempi la tensione si allenta; inoltre le prime corsette di riscaldamento restituiscono una certa piacevole leggerezza. Dopo alcuni allunghi su erba, con le fosforus ai piedi, mi presento alla serie, con il tempo peggiore dei 15; ma siamo tutti tra 4.40 e 4.48 (il mio dichiarato). Al via prendo una discreta posizione e, come da dichiarzioni, al passaggio dei 400 siamo tutti in fila senza grandi gap; prendo il tempo ai 500 (senza guardarlo) e saprò dopo che son passato appena veloce, in 1.35.7. Penultimo giro con posizioni che non cambiano, sono circa 7°; la corsa si fa un po' sofferta, ma ai 400 sono lì pronto a rilanciare, anche se non riesco a prendere il tempo (sento però da qualcuno 3.15). Dai che anche stavolta si arriva. Ai 300 allungo ma lo fanno un po' tutti, per cui non recupero posizioni. Ai 200 arrivano velocissimi da dietro in 2; uno lo rintuzzo, l'altro si presenta sul rettilineo avanti qualche metro, ma è solo un fortissimo M55, per cui faccio valere la gamba lunga e le fibre più giovani, sprintando bene e chiudendo in 4.51.32. Sono felice come un anno fa, che correvo oltre 9" più veloce, tempo che oggi mi sarebbe valso la vittoria di serie.
Insomma ci sono ancora, basterebbe cominciare ad allenarsi :-)
La serie dei forti vede i primi 10 da 4.27 a 4.34, credo la gara più bella di tutta la giornata.
The King is dead, in aeroporto, ma ha fatto in tempo a lasciare i bagagli.

Etichette: ,

8 Avete commentato:

Blogger Lucky73 ha scritto...

e argento pure sui 200 per Valter il Magnifico!

Alla tua serie batteria scarica, non ti ho visto, cazzo peggio di così, ma vorrei fare 2 considerazioni ...

con pisciatine 4.41
senza allenamento 4.50
con allenamento ?

4:10 PM  
Blogger GIAN CARLO ha scritto...

la 127 un brutto mito.
Se ti alleni spacchi il mondo ...ora ti vedo un po' come Milito.

4:30 PM  
Blogger nicolap ha scritto...

oh ragazzo
conosco persino chi ha la Regata come mito
ogni generazione la sua
tu e quel pavone di Yogi con il suo maggiolone

4:33 PM  
Anonymous Anonimo ha scritto...

la 127 ha resisitito altri anni ancora, visto che è stat anche la mia prima macchina
se però trovi qualcuno che ha la duna come mito, fammelo sapere, che lo mandiamo in analisi da uno bravo

panda

5:25 PM  
Blogger antherun ha scritto...

per un attimo credevo avessi comprato un SUV...ma mi sono svegliato e per fortuna era solo un brutto sogno..

9:07 PM  
Blogger GIAN CARLO ha scritto...

Non vorrei pensassi che giro in ferrari ...ho una bruttissima Picasso modello base !
Yogi pavone invece ci stà alla grande !

9:35 PM  
Blogger Daniele ha scritto...

onore al king e a tutti quelli che ci provano comunque

9:55 PM  
Blogger nicolap ha scritto...

no nei miei fumetti runner blade gira in moto o di corsa sulla heartbreak hill
comunque immaginavo di 500, non di ferrari

10:28 PM  

Posta un commento

Crea un link

<< Homepage