21km - la distanza

lunedì 22 settembre 2008 - ore 11:15 AM

Dedicato ai capillari

Sabato sera ore 19.40 mi tocca un bel lunghetto, commisurato alle mie recenti scelte: 15 km scarsi, andare a Cernusco e tornare, scegliendo appunto un avantendrè per essere obbligato a correrli tutti. Sì, perché non sto nella pelle all'idea di correre a 4.50; cambio pelle alla sola idea.
L'andata è drammatica: l'impatto sull'asfalto, le dita abituate a spingere ma che a quel passo rimangono rigide al fondo del piede, i fumi e le diossine dei focolari Rom al suono de La Bamba; il ritorno va già un po' meglio, perché almeno c'è la soddisfazione di avercela quasi fatta e un po' di calore in più nella fibre lente.
Alle ville della Martesana mi metto a correre sul piccolo marciapiede che separa la ciclabile dalla strada; è largo 50 cm ed è in cemento mezzo scrostato, ma tanto basta a risvegliare i riflessi plantari e a restituire nostalgia dello sterrato, inviando endorfine gourmet al cervello.
Doccia e stretching; ultima nota positiva che ieri il mal di gambe non ha bussato alla mia porta.

Etichette:

0 Avete commentato:

Posta un commento

Crea un link

<< Homepage