21km - la distanza

giovedì 7 maggio 2009 - ore 9:31 AM

Una serata strana

Va bene non lo faccio più.
Di fare ripetute (anche se poche) il giorno prima della gara.
Però. E qui cominciano le scuse:
1 - l'emozione di correre l'ultima delle 8 batterie, quella con i tempi migliori e tutti i più forti;
2 - arrivare al campo alle 19 e correre alle 23.30, con i prati che buttano umidità vaporella;
3 - la pista fa abbastanza cagare (con tutto il rispetto); è mollina e abbastanza irregolare (ma il centro sportivo in sé è stupendo, con un anello d'asfalto fuori dalla pista dove allenarsi);
4 - aver mangiato nervetti con le cipolle alle 16.30 (palla; è Giuseppe che li ha mangiati, l'unico che correrà oltre le sue aspettative; non finiva più la lista dei suoi consumi quotidiani, tra cui 3 banane in fila al mattino);
5 - la scimmia del dover fare a tutti costi SEMPRE il personale in pista;
6 - varie ed eventuali.
Pronti via 40 ai 200m, entro un giro da dietro qualcun'altro mi passa e sarò circa 12° su 16, a occhio; al 1000 guardo o non guardo, guardo. Un insignificante 3.33, sono già sopra; riesco ad agganciarmi a un trenino di 2 davanti, ma al 2000 non cambia la storia: 7.06. Corro male, con le coscie che non tengono e i piedi che faticano a spingere sulla pista irregolare. Respiro benino ma vengo sommerso da un'onda di malessere generale, da poca voglia di proseguire senza speranze di allungare il passo e senza divertimento. Ai 2600 ormai sono con la testa altrove; ai 3000 mi fermo a 10.40 e rientro in tribuna. Sabato mattina mi attende una calda ora in pista, e non era il caso di fare gli eroi per strappare un 17 ALTO e giocarmi una CARTA SOFFERENZA, meglio tenerla che mi servirà a Zelo, precisamente dalle 11.40 alle 11.55.
Riproverò a Cinisello tra 2 settimane, il 20 Maggio, se riesco a riprendere un po' di fiducia. Mamma mia come ci prendiamo sul serio, alle volte.

Etichette: ,

9 Avete commentato:

Blogger GIAN CARLO ha scritto...

Splendido post, dentro c'è tutto, la nostra(presunta) forza, la nostra(grande) debolezza... quei pochi secondi che fanno la differenza tra la gloria e la cenere.
Il problema... e qui so che mi darai ragione... è che in questo loop ci si ricasca di continuo.

10:04 AM  
Blogger Valerka ha scritto...

bravo ragazzo risparmiati per Zelo! anche se non c'è la selesione.

11:47 AM  
Blogger nicolap ha scritto...

Dormito 4 ore stanotte
questa è la vera selesione
la cenere e il loop

12:26 PM  
Blogger antherun ha scritto...

Ciao Nicola allora io correrò sabato mattina dalle 11 alle 12...non ricordo a che ora correrai tu..

2:09 PM  
Blogger nicolap ha scritto...

insieme :-)

2:28 PM  
Blogger LO ZIO ha scritto...

Non ti cruccià Nicola e ti capisco. Stesse sensazioni fino alla decisione di correre sempre e comunque in gara senza crono.....che poi i tempi non son migliorati (anzi...), ma il morale ne ha giovato

Mòla no!

;-)

Ciao, Lo Zio

2:37 PM  
Blogger Lucky73 ha scritto...

Io vado controcorrente forse perchè non ho esperienza o forse perchè sono un podista mediocre...

Io i ritiri proprio non li capisco, ma perchè? Forse perchè voglio sempre e comunque arrivare? Boh ...

Vorrei fare io quel tempo sui 3.000.....

Peccato che non riesci più a venire al Corrigiuriati ....

3:56 PM  
Blogger Panda ha scritto...

mio padre mi dice sempre:
"i consigli non pagati non vengono mai ascoltati"

cmq

non ci si ritiiiraaaaa, quanto meno non per il tempo. tuttalpiù si cambia approccio mentale e si recupera "la corsa fatta per correre", e non per inseguire il crono.
quest'anno poi ti sei ritirato un sacco di volte.
mo basta, su.

p.s.: detto tra noi ... se martedi avevi voglia di far ripetute hai fatto benissimo a farle, e in culo al 5000!
;-)

5:43 PM  
Blogger nicolap ha scritto...

cari opinionisti,
purtroppo devo centellinare le energie fisiche e mentali, per non soccombere, in questo periodo.
E' una forma di sopravvivenza.
Io corro per il piacere e/o per la squadra (mai ritirato ai cross); ieri sera non provavo piacere.

8:10 PM  

Posta un commento

Crea un link

<< Homepage